MAR&VEN 15/18 hrMAP

Calendario eventi

  • 18 MAGGIO 2020 | Fase 2 dell’emergenza da pandemia causata dal coronavirus SARS-CoV-2.
    • Sospensione di tutte le attività associative della Sezione di Napoli: imminente riapertura previa analisi del rischio e redazione linee guida o protocolli di condotta.
      Con lettera, datata 14/05/2020, il Presidente Nazionale A.N.P.d’I. Gen. C.A. (ris.) Marco Bertolini, richiamando le lettere dell’11/05/2020 e del 14/05/2020 dell’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile), l’Autorità che regola l’attività paracadutistica civile in Italia, anche di quella, ancorché peculiare stante il suo status giuridico, dell’A.NP.d’I., fa presente che l’attività aviolancistica associativa dovrà attendere l’elaborazione di un «documento di analisi del rischio» ai fini dell’ottemperanza alle prescrizioni governative in materia di contenimento del rischio nella suddetta attività da parte delle varie scuole e associazioni civili che gestiscono le aviosuperfici presso le quali i soci dell’A.N.P.d’I. possono conseguire l’abilitazione al lancio FdV o mantenerla in esercizio. Per quanto riguarda, più in generale, la vita associativa nelle varie sedi, e quindi anche quella napoletana,  il Presidente Nazionale annuncia che è in corso una riflessione a livello di Segreteria Generale che sta considerando l’elaborazione di un documento di analisi del rischio ispirandosi a quanto richiesto dall’ENAC alle associazioni civili di paracadutismo. L’auspicio è comunque una riapertura delle Sezioni «a breve» ma improntata alla «massima prudenza».
  • 4 MAGGIO 2020 | Inizio della cosiddetta “Fase 2” dell’emergenza da pandemia causata dal coronavirus SARS-CoV-2.
    • Proroga della sospensione di tutte le attività associative della Sezione di Napoli.
      In seguito all’emanazione del DPCM del 26 aprile, la data della scadenza delle eccezionali “misure di contenimento” adottate in Italia per il fronteggiamento della pandemia viene prorogata ulteriormente, fino al  17 maggio p.v. Pertanto, la scadenza della sospensione di tutte le attività associative fissata dalla lettera, datata 8/03/2020, del Presidente Nazionale A.N.P.d’I. Gen. C.A. (ris.) Marco Bertolini, al 3 aprile si intende alla medesima data prorogata.
  • 14 APRILE 2020 | Emergenza da pandemia causata dal coronavirus SARS-CoV-2.
    • Proroga della sospensione di tutte le attività associative della Sezione di Napoli.
      In seguito all’emanazione del DPCM del 10 aprile, la data della scadenza delle eccezionali “misure di contenimento” adottate in Italia per il fronteggiamento della pandemia viene prorogata ulteriormente, fino al  3 maggio p.v. Pertanto, la scadenza della sospensione di tutte le attività associative fissata dalla lettera, datata 8/03/2020, del Presidente Nazionale A.N.P.d’I. Gen. C.A. (ris.) Marco Bertolini, al 3 aprile si intende alla medesima data prorogata.
  • 4 APRILE 2020 | Emergenza da pandemia causata dal coronavirus SARS-CoV-2.
    1. Proroga della sospensione di tutte le attività associative della Sezione di Napoli.
      In seguito all’emanazione del DPCM del 1º aprile, la data della scadenza delle eccezionali “misure di contenimento” adottate in Italia per il fronteggiamento della pandemia viene prorogata fino al  13 aprile p.v. Pertanto, la scadenza della sospensione di tutte le attività associative fissata dalla lettera, datata 8/03/2020, del Presidente Nazionale A.N.P.d’I. Gen. C.A. (ris.) Marco Bertolini, al 3 aprile si intende alla medesima data prorogata.
    2. La diffusione della pandemia e la peculiare situazione italiana.
      L’agente patogeno virale, responsabile della pandemia, è stato definitivamente denominato SARS-CoV-2, mentre la denominazione della malattia rimane CoViD-19. La pandemia alla data attuale si è diffusa in oltre 200 Paesi per un totale di oltre un milione di casi totali (che comprendono casi attivi, decessi e guarigioni). Dai dati aggregati si evince che il contagio, in pressoché totale prevalenza dovuto al passaggio di goccioline di saliva espulse principalmente per tosse o starnuto dalla persona contagiata al naso bocca oppure gli occhi di chi è a distanza ravvicinata, può riguardare potenzialmente tutti. La distanza interindividuale di oltre un metro e frequente lavaggio delle mani sono la misure precauzionali personali più efficaci per diminuire il rischio di contagio. I primi sintomi evidenti sono tosse e febbre, seguiti da difficoltà respiratorie ma enorme è la platea di contagiati asintomatici ritenuti comunque capaci di trasmissione virale seppure non quanto i sintomatici. La letalità si registra nettamente nei soggetti in età avanzata già affetti (comorbilità) da una o più malattie croniche, specialmente se a carico dell’apparato respiratorio o cardiaco. Infatti lo stadio terminale e più pericoloso della malattia sfocia in una sindrome respiratoria acuta (SARS, appunto) causata da una polmonite cosiddetta interstiziale. Questo stadio viene raggiunto dal 20% (in stragrande maggioranza con le caratteristiche evidenziate) dei contagiati (rilevati, la specificazione è d’obbligo dati i criteri e l’oggettiva difficoltà di somministrare estensivamente il test, alta è quindi la probabilità che la quota di contagiati reale sia molto più elevata) con la conseguente necessità di ricovero in unità di terapia semintensiva o addirittura intensiva con respirazione esogena. Solo una parte di questi pazienti raggiunge il decesso. Dal punto di vista sociale e collettivo, il più grande pericolo è l’intasamento delle strutture sanitarie e la saturazione delle disponibilità di accoglienza, specialmente per i posti in terapia intensiva.
      Le misure di contenimento adottate dai vari paesi differiscono di grado ma hanno come fondamenti le già citate precauzioni individuali e l’isolamento domestico più o meno volontario, ovviamente coatto nel caso di infetti o di gravemente indiziati di contagio.
      L’Italia, con i suoi territori regionali del Nord, in particolare Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, si conferma al momento il Paese più colpito sul pianeta dalla pandemia, soprattutto per quanto riguarda il maggior numero registrato di decessi (il profilo dei quali corrisponde alle caratteristiche rilevate negli altri paesi, per età anagrafica e per il riscontro di comorbilità).
      Le politiche di contenimento adottate dal governo italiano, con sostanziale assenso, tranne poche eccezioni, della gran parte degli altri attori rilevanti (parlamentari di maggioranza e di opposizione, parti sociali, comunità scientifica e gli stessi cittadini), hanno raggiunto un ben più sensibile livello di severità rispetto a quelle degli altri paesi, che hanno bilanciato diversamente gli interessi supremi in gioco, e ha varato cosiddetti lockdown dei cittadini e cosiddetti shutdown di numerose attività economiche e industriali molto estesi e intensi. Il governo, mantenendo la linea di politica normativa precedente, ha emanato altri numerosi decreti ministeriali e infine, per tentare anche di mettere un po’ di ordine al caos delle fonti normative, nel frattempo accumulatesi, in circolazione (ai decreti presidenziali si affiancano quelli ministeriali, poi ci sono le ordinanze contingibili e urgenti delle Regioni, dotate di potestà normativa concorrente in materia di tutela della salute, etc.), ha scelto di emanare un nuovo decreto legge, il n. 19 del 25/03/2020. Il primo decreto attuativo del Presidente del Consiglio dei Ministri, DPCM del 1º/04/2020, emanato ai sensi del nuovo decreto legge, conferma le precedenti misure, spesso anche intensificandone le portata restrittiva, e soprattutto rinviando al 13 aprile come nuova data di scadenza.
    3. L’informazione vittima delle false notizie.
      In un momento cosí complicato, soprattutto per il nostro Paese, l’informazione seria e affidabile è un bene prezioso, purtroppo mai come adesso si riscontra un’inondazione di notizie ascientifiche, mistificanti, tendenziose e false, per cui è fatta raccomandazione dalla Sezione di Napoli di non rivolgersi o addirittura afffidarsi a fonti inattendibili e fuorvianti. Tra i siti seri raccomandati da cui prendere notizie e dati vi sono, oltre all’OMS (WHO) e quelli istituzionali della Presidenza del Consiglio e dei vari Ministri, l’ECDC (European Centre for Disease Prevention and Control), il portale di dati mondiali Worldometers, il nostro Istituto Superiore della Sanità, e la fondamentale raccolta dati, per regioni e province, dedicata all’Italia della nostra Protezione Civile.
      In ogni caso bisogna controllare che le notizie riportino sempre chiaramente una fonte di indubbia reputazione, e nel dubbio si consultino i siti cosiddetti di debunking o fact checking che fanno l’opera meritoria di smascherare le fake news. In Italia, i siti che si distinguono in questo senso sono butac.it e bufale.net
  • 11 MARZO 2020 | Emergenza da pandemia di CoViD-19.
    1. Rinvio sine die dell’Assemblea Nazionale A.N.P.d’I. a Napoli disposta dal Presidente Nazionale.
      Lettera del Presidente Nazionale A.N.P.d’I. Gen. C.A. (ris.) Marco Bertolini con oggetto l’Assemblea Nazionale A.N.P.d’I., programmata a Napoli il 18/04 p.v., della quale dispone lo “SPIANTO” a causa della situazione d’emergenza nazionale causata dalla pandemia CoViD-19: “La prevista Assemblea Nazionale dell’ANPDI, come noto, è stata programmata per il 18 aprile p.v. a Napoli. Al riguardo, sono già stati espletati tutti i passi principali per l’organizzazione della stessa, soprattutto grazie all’impegno appassionato della Sezione partenopea e del suo Presidente Castiello, nonché del Consigliere Nazionale De Gennaro, che ringrazio entrambi di cuore per la dimostrazione di spirito paracadutista dimostrato” ma “il perdurare della crisi sanitaria che ha imposto al governo la promulgazione dei Decreti alla base delle mie precedenti disposizioni circa la sostanziale interruzione completa di tutte le attività associative (a meno di quelle espletabili per via informatica o telefonica), mi induce […] con il parere concorde della GEN riunitasi il 10 sera per via informatica, anche al fine di risparmiare alle sezioni più lontane l’inutile procedura di prenotazioni di aerei, navi ed alberghi, [a disporre] il rinvio dell’Assemblea Nazionale ANPDI del 2020 a data da definirsi successivamente, auspicabilmente entro il primo semestre dell’anno in corso e sempre a Napoli“.
    2. Chiusura in Italia di tutte le attività commerciali non essenziali.
      Nuovo Decreto del Presidente del Consiglio, (D.P.C.M. 11/03/2020) che dispone su tutto il territorio nazionale la chiusura di ogni attività di commercio al dettaglio, fatta eccezione per quelli di genere alimentare e farmaceutico e pochi altri settori essenziali o strategici, fino alla data prevista del 25/03.
    3. Dichiarazione di pandemia.
      L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce ufficialmente l’epidemia da CoViD-19 una pandemia, “la prima a essere causata da un coronavus”.

       

  • 9 MARZO 2020 | Emergenza da epidemia di CoViD-19.
    Con l’emanazione del D.P.C.M. del 9/03/2020 viene esteso a tutto il territorio nazionale le misure restrittive eccezionali del D.P.C.M. dell’8/03, riservate da quest’ultimo decreto solo alle zone cosiddette rosse, sede di focolai. La data finale prevista del vigore delle disposizioni è stabilita al 3/04, come in precedenza.

  • 8 MARZO 2020 | Emergenza da epidemia di CoViD-19.
    A integrazione delle lettere del 23/02 e del 7/03, nuova lettera del Presidente Nazionale A.N.P.d’I. Gen. C.A. (ris.) Marco Bertolini, a seguito dell’emanazione di un ulteriore D.P.C.M., datato 8 marzo, con misure restrittive eccezionali nelle zone sede di focolai epidemici e forme più mitigate di restrizioni nelle zone senza focolai, e degli ulteriori decreti a livello regionale: “si rende necessario interrompere tutte le attività, assemblee, consulte, manifestazioni varie e corsi di paracadutismo dell’Associazione, anche con riferimento a quelle nelle quali è possibile assicurare 1 m. di distanza da persona a persona”, si dispone quindi “l’interruzione di tutte le attività associative ad esclusione di quelle che possono essere effettuate per via informatica o telefonica, fino alla data prevista del 3 aprile“, fissata dagli stessi decreti come scadenza delle misure emergenziali prese.

  •  7 MARZO 2020 | Emergenza da epidemia di CoViD-19.
    Seguito della lettera del 23/02/2020 del Presidente Nazionale A.N.P.d’I. Gen. C.A. (ris.) Marco Bertolini, a seguito dell’emanazione del D.P.C.M. 4/03/2020, “Misure per il contrasto e il contenimento sull’intero territorio nazionale del diffondersi del virus COVID-19”. Le attività associative, in particolare la vita sociale delle Sezioni come la nostra, compresi i Corsi di Paracadutismo, sono realizzabili ma entro limiti molto stretti:  il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 marzo, all’art. 1, lettera c, applicabile per analogia a un’attività come il nostro Corso, permette, in un territorio come il napoletano non considerato zona di focolai di CoViD-19, di continuare a poterlo tenere, così le altre attività sociali, purché ci si attenga al decalogo delle misure igienico sanitarie allegato al D.P.C.M., in particolare al mantenimento costante della distanza tra gli individui presenti di almeno un metro.

  • 23 FEBBRAIO 2020 | Emergenza da epidemia di CoViD-19.
    Lettera del Presidente Nazionale A.N.P.d’I. Gen. C.A. (ris.) Marco Bertolini, a seguito emanazione Decreto Legge n. 6 23/02/2020. In particolare, si invitano “le strutture associative insistenti su un territorio che sia, o divenga, oggetto di provvedimenti specifici di restrizione/limitazione/proibizione di attività pubbliche (per noi, assemblee, corsi, cerimonie, ecc.), ad aderire alle disposizioni emanate dalle autorità competenti, fino a sospendere tutte le attività associative se necessario” e “tutti i soci ad osservare le norme di comportamento dettate dal Ministero della Salute (salute.gov.it) e finalizzate a limitare i rischi di contagio”.
  • 21 GENNAIO 2020 | È stata convocata, con regolare previo invio di lettera scritta a tutti i soci, l’Assemblea ordinaria dei Soci della Sezione A.N.P.d’I. di Napoli per il giorno 14 febbraio 2020, ore 17.00, in prima convocazione ovvero per il giorno 16 febbraio 2020, ore 9.00, in seconda convocazione, presso la sede sita in Piazza Eritrea 5 Napoli. 

1) Relazione generale del Presidente p.t., seguita da un approfondimento dedicato alla LXXIV Assemblea Nazionale dell’A.N.P.d’I. che si terrà a Napoli il 18 e il 19 aprile;
2) proposta di approvazione all’Assemblea dei Soci del rendiconto e del preventivo 2020, preceduti dalla relazione gestionale e programmatica del Presidente p.t. e dalla relazione tecnica del Sindaco Revisore p.t.;
3) varie ed eventuali.

Esiti per argomenti dell’ordine del giorno, dell’Assemblea Ordinaria dei Soci della Sezione di Napoli A.N.P.d’I., svoltasi in seconda convocazione il giorno 16 febbraio 2020, ore 9.00, presso la sede sita in Piazza Eritrea 5 Napoli:

  1. A seguito della Relazione Generale del Presidente p.t. Massimo Castiello, viene sintetizzata la seguente mozione dal Presidente d’Assemblea: «L’Assemblea dei Soci accoglie favorevolmente la Relazione generale, in particolare sul punto in cui si fa presente lo stato di preparazione ottimale dell’organizzazione per l’accoglimento della LXXIV Assemblea Nazionale dell’A.N.Pd’I. a Napoli e, altresì, lo sforzo, economico e organizzativo, sostenuto e da sostenere da parte di tutti i Soci, per garantirne un risultato di successo», che viene approvata unanimemente dai soci con diritto di voto per alzate di mano e salutata da successivo applauso di tutti i presenti;
  2. dopo le relazioni gestionale e programmatica del Presidente p.t., e la relazione tecnica del Sindaco Revisore, il rendiconto e il preventivo del 2020 sono approvati, separatamente, all’unanimità dai Soci, con procedura conforme ex art. 24, c. 1, c.c. e art. 22, c. 11, lett. b), del Regolamento.

  • 31 DICEMBRE 2020 | Chiusura dell’anno di esercizio sociale 2019: risultano iscritti 82 Soci.

  • 30 MARZO 2019 | La Sezione di Napoli ANPdI è lieta di presentare il “SABATO CULTURALE”. Visita al Parco Archeologico di Pompei, ore 8:15. 
    € 150 per la guida, da dividere per il numero di partecipanti, più i costi personali per l’acquisto dei tickets d’ingresso. PER INFO 3312262163

  • 23 e 24 MARZO 2019 Evento #SALUTE Prevenzione in piazza a Napoli, in Piazza del Plebiscito, dalle ore 10 alle ore 19.
    La SEZIONE di NAPOLI ANPdI, fra gli enti organizzatori, sarà presente con un proprio stand dove uno staff di esperti permetterà a amatori o semplici curiosi di osservare da vicino originali attrezzature paracadutistiche. Soprattutto offrirà uno spettacolare lancio con atterraggio in piazza di cinque paracadutisti, tra cui il pluricampione italiano di paracadutismo di precisione Tenente Colonnello (ris.) Paolo Filippini, con una bandiera italiana di 1000 mq, e il nostro socio Alberto Orlando, con la bandiera dell’ANPdI nazionale.

 

  • 11 FEBBRAIO 2019 | Riunione del Consiglio Direttivo ex art. 24, c. 4, del Regolamento, con Ordine del Giorno fissato dalla medesima disposizione;
    le nomine dei titolari degli incarichi, ex art. 23, Statuto, fra i componenti neoeletti del Consiglio Direttivo, vengono così deliberate:

Vice Presidente: Giovanni D’Angiò,
Economo: Salvatore Orrico,
Segretaria: Carmen Santoro,
Direttore Tecnico: Ciro Imperato.

  • 11 GENNAIO 2019 | È stata convocata, con regolare previo invio di lettera scritta a tutti i soci, l’Assemblea ordinaria dei Soci della Sezione A.N.P.d’I. di Napoli per il giorno 2 febbraio 2019, ore 9.00, in prima convocazione ovvero per il giorno 3 febbraio 2019, ore 9.00, in seconda convocazione, presso la sede sita in Piazza Eritrea 5 Napoli.

1) proposta di approvazione all’Assemblea e votazione dei Soci del rendiconto e del preventivo 2019, precedute dalla relazione gestionale e programmatica del Presidente uscente e dalla relazione tecnica del Sindaco Revisore uscente;
2) elezione del Presidente di Sezione per il triennio 2019/2021;
3) elezione del Consiglio Direttivo per il triennio 2019/2021;
4) elezione del Sindaco Revisore per il triennio 2019/2021;
5) ratifica della delibera del Consiglio Direttivo del 21/12/2018 inerente la quota sociale.

Esiti per argomenti dell’ordine del giorno, dell’Assemblea Ordinaria dei Soci della Sezione di Napoli A.N.P.d’I., svoltasi in seconda convocazione il giorno 3 febbraio 2019, ore 9.00, presso la sede sita in Piazza Eritrea 5 Napoli:

1. il rendiconto e il preventivo del 2019 sono approvati all’unanimità dai Soci, con procedura conforme ex art. 24, c. 1, c.c. e art. 22, c. 11, lett. b), del Regolamento.

2. Viene eletto Presidente della Sezione di Napoli per il triennio 2019-2021, il par. Massimo Castiello.

3. Vengono eletti membri – in osservanza dell’art. 21, c. 2, lett. b), Statuto – del Consiglio Direttivo della Sezione di Napoli per il triennio 2019-2021:
Giovanni D’Angiò, Salvatore Orrico, Marco Piccolo, Ciro Imperato, Francesco Guarnieri e Carmen Santoro
.

4. Viene eletto Sindaco Revisore della Sezione di Napoli per il triennio 2019-2021, il par. Gustavo Ruggiero. Non sono state presentate ulteriori candidature per cui non vi sono nominativi successivi ex art. 27, c. 6, Regolamento.

5. L’Assemblea dei Soci vota, ex art. 5, c. 1, Regolamento, all’unanimità l’aumento di euro 5, rispetto a quella fissata fino all’anno di esercizio precedente, della quota sociale di iscrizione/rinnovo alla Sezione di Napoli a partire dall’anno 2019.

  • 20 GENNAIO 2019 | DOMENICA CULTURALE: visita (a spese proprie) alla Certosa di San Martino. Siete invitati tutti, soci e non soci, per informazioni telefonare al 3312262163.
ma&ve 15/18 hr
Map